Crisi D'ImpresaSussiste l’interesse del lavoratore alla reintegrazione nel posto di lavoro nonostante successivamente al licenziamento sia intervenuto il fallimento del datore di lavoro

29 Aprile 20170

 

La Sez. IV, Lavoro della Suprema Corte di Cassazione con un’interessantissima sentenza del 03 Febbraio 2017, sentenza n.2975, ha precisato che in caso di fallimento dell’impresa datrice di lavoro, persiste l’interesse del lavoratore, in precedenza licenziato, alla reintegrazione nel posto di lavoro, previa dichiarazione giudiziale dell’illegittimità del licenziamento, in quanto una tale pronuncia ha ad oggetto, non solo il concreto ripristino della prestazione di lavoro, ma anche le possibili utilità connesse al rapporto lavorativo, quali la ripresa del lavoro o l’eventuale ammissione ad una serie di benefici previdenziali.

La medesima sezione con una pronuncia quasi gemella del 20.01.2017 la n.2237 ha invece ribadito che il fallimento dell’imprenditore non integra una causa di risoluzione del contratto di lavoro, ai sensi dell’art. 2119, comma 2° c.c., bensì determina solo una sospensione dello stesso a norma dell’art. 72 L.F., precisando poi che la collocazione in cassa integrazione presuppone la perdurante esistenza del rapporto di lavoro, sebbene a funzionalità sospesa, e non la sua estinzione.

Avv. Alfredo Riccardi

Lascia un Commento

La tua email non verrà pubblicata I campi obbligatori sono contrassegnati con *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

https://www.riccardilex.com/wp-content/uploads/2020/06/logo-riccardi-black_8b33560387d776e8612503216e308f83.png

Follow us:

+39 02 94758450
info@riccardilex.com

• STUDIO LEGALE RICCARDI •
Codice fiscale e Partita IVA: 05532071213 • Polizza RC Professionale AIG Europe S.A. n. ICNF000001.069593
• www.riccardilex.com • info@riccardilex.com • studio@pec.riccardilex.com