HomeAPPROFONDIMENTI

Trasformazione eterogenea e fallimento   La società di capitali trasformatasi in società semplice può essere dichiarata fallita entro un anno dalla cancellazione del registro delle imprese. La società di capitali trasformatasi in società semplice, non svolgente attività commerciale e, come tale sottratta al fallimento, può essere dichiarata fallita entro un
Interessi e fallimento   Gli interessi possono essere ammessi al passivo fallimentare tardivamente se è già avvenuta la richiesta e ammissione dello stesso credito per il solo capitale. Cassazione civile sez. VI, 17/12/2021, n.40554   View Fullscreen
Assegno senza data e successivo fallimento   Chi emette un assegno bancario privo della data di emissione accetta il rischio che, al momento del riempimento, il pagamento risulti precluso per ammissione del debitore ad una procedura concorsuale Cassazione civile sez. II, 22/11/2021, n.35947 View Fullscreen
Lo spaghetto quadrato non può costituire un marchio   La Corte di Cassazione ha respinto il ricorso di un noto pastificio molisano contro un concorrente per la nullità del brand “spaghetto quadrato” che indica solo una caratterista del prodotto, ma non può essere considerato un marchio tutelabile. Cass. Civ., Sez.
Sulle ipotesi in cui il giudice può procedere alla liquidazione equitativa dei danni   Il giudice deve, anche d’ufficio, procedere alla liquidazione equitativa dei danni di cui riconosca l’esistenza, tanto nell’ipotesi in cui sia completamente mancata la prova del loro ammontare, a causa dell’impossibilità di fornire congrui ed idonei elementi
Revocabile anche il compenso del liquidatore   Sono soggetti a revocatoria fallimentare, se ricorrono i presupposti dell‘art. 67, comma 2 L.F., i pagamenti dei compensi che il liquidatore di una società ha eseguito a suo favore, non ricorrendo in tal caso né l’eccezione di cui all’art. 67, comma 3, lett.
Fusione per incorporazione
La fusione per incorporazione ove intervenga in corso di causa non interrompe il processo Le Sezioni Unite della Suprema Corte di Cassazione con la sentenza n. 21970 del 30.07.2021 hanno chiarito che la fusione per incorporazione estingue la società incorporata, che non può dunque iniziare un giudizio in persona del
Versamenti in conto futuro aumento di capitale sociale
Versamenti in conto futuro aumento di capitale sociale e diritto alla restituzione. Con una recentissima pronuncia della Suprema Corte di Cassazione (ordinanza 16.11.2021 n.34503) si è stabilito che i versamenti, in conto futuro aumento di capitale, effettuati dai soci in favore di una società di capitali, condizionati all’adozione della relativa
Interpretazione estensiva dell'art. 95 co. 3° L.F.
Interpretazione estensiva dell’art. 95 co. 3° L.F.   La norma dell’articolo 95, comma 3, della legge Fallimentare va interpretata estensivamente e deve, pertanto, trovare applicazione anche nel caso di sentenza, non ancora passata in giudicato, che abbia rigettato (anche solo in parte) la domanda del creditore, con la conseguenza che, intervenuto
Fallimento e Interruzione del processo
Fallimento e interruzione del processo Le Sezioni Unite con la pronuncia n.12154 del 07 maggio 2021 hanno risolto il contrasto giurisprudenziale in ordine al momento da cui decorrerebbero gli effetti dell’interruzione automatica del processo per effetto della dichiarazione  di fallimento di una parte processuale. In caso di apertura del fallimento,
https://www.riccardilex.com/wp-content/uploads/2020/06/logo-riccardi-black_8b33560387d776e8612503216e308f83.png

Follow us:

+39 02 94758450
info@riccardilex.com

• STUDIO LEGALE RICCARDI •
Codice fiscale e Partita IVA: 05532071213 • Polizza RC Professionale AIG Europe S.A. n. ICNF000001.069593
• www.riccardilex.com • info@riccardilex.com • studio@pec.riccardilex.com