Crisi D'ImpresaAmmissibile la domanda di concordato preventivo presentata dopo l’udienza prefallimentare: escluso l’abuso del processo

18 Settembre 20160

La Corte d’Appello di Firenze, con decisione n. 316 del 3 marzo 2016, ha affermato un principio di diritto particolarmente interessante.

In sintesi ha ritenuto che non costituisce abuso dello strumento processuale la presentazione di una domanda di concordato preventivo c.d. “in bianco” successivamente all’udienza prefallimentare, da parte di una società che aveva deliberato di proporre tale domanda già precedentemente ma che a causa di dissidi interni aveva procastinato l’esecuzione della volontà sociale.

La decisione assume una valenza peculiare, anche se va sottolineato che la Corte fiorentina riesce ad escludere la figura dell’abuso di diritto solo in ragione del fatto che la proposta di concordato preventivo fosse stata già deliberata dalla società prima dell’udienza prefallimentare.

avv. Alfredo Riccardi

Lascia un Commento

La tua email non verrà pubblicata I campi obbligatori sono contrassegnati con *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

https://www.riccardilex.com/wp-content/uploads/2020/06/logo-riccardi-black_8b33560387d776e8612503216e308f83.png

Follow us:

+39 02 94758450
info@riccardilex.com

• STUDIO LEGALE RICCARDI •
Codice fiscale e Partita IVA: 05532071213 • Polizza RC Professionale AIG Europe S.A. n. ICNF000001.069593
• www.riccardilex.com • info@riccardilex.com • studio@pec.riccardilex.com