ApprofondimentiDiritto CommercialeIl dissidio dei soci può generare lo scioglimento della società

11 Dicembre 20180

Un’interessante pronuncia della Corte d’Appello di Brescia del 12.03.2018 ha precisato “quando” il dissidio tra i soci può determinare lo scioglimento della società.

Ha chiarito la Corte che il cosiddetto “dissidio insanabile” causa di scioglimento ai sensi dell’art. 2272 n.2 c.c. si realizza solo qualora impedisca alla società di funzionare e perseguire l’oggetto sociale. Infatti il socio che chieda la pronuncia di scioglimento deve precisare la causa dei dissidi e indicare le ragioni per cui tali contrasti sarebbero divenuti insanabili, fornendone adeguata prova in giudizio. Diversamente, le sole inadempienze ai doveri e agli obblighi da parte di uno dei soci, ovvero l’utilizzo improprio o non produttivo dei beni sociali a lui affidati, non costituiscono in quanto tali un impedimento al perseguimento  dell’oggetto sociale. Pertanto non qualsiasi dissidio tra soci integra una causa di scioglimento della società, ma solo quello che rende impossibile il conseguimento dell’oggetto sociale.

Lascia un Commento

La tua email non verrà pubblicata I campi obbligatori sono contrassegnati con *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

https://www.riccardilex.com/wp-content/uploads/2020/06/logo-riccardi-black_8b33560387d776e8612503216e308f83.png

Follow us:

+39 02 94758450
info@riccardilex.com

• STUDIO LEGALE RICCARDI •
Codice fiscale e Partita IVA: 05532071213 • Polizza RC Professionale AIG Europe S.A. n. ICNF000001.069593
• www.riccardilex.com • info@riccardilex.com • studio@pec.riccardilex.com