ApprofondimentiLe Sezioni Unite intervengono sul rito da applicare allorquando l’avvocato decida di voler agire giudizialmente per il pagamento dei propri compensi

26 Febbraio 20180

E’ recentissima la decisione delle Sezioni Unite (23.02.2018 sent. n.4485), che si allega, in materia di rito applicabile allorquando l’avvocato decida di voler agire giudizialmente nei confronti del proprio cliente per il recupero giudiziale dei propri compensi.

La decisione, particolarmente articolata, argomentata ed ostica da leggere ed interpretare, può essere sinteticamente così riassunta:

(i) è esclusa la possibilità di introdurre l’azione sia con il rito di cognizione ordinario, sia con il procedimento sommario ordinario codicistico, di cui agli artt. 702 bis e segg. c.p.c.;

(ii) è ammissibile introdurre l’azione sia con lo speciale procedimento di cui all’art. 28 della l. n. 794 del 1942, sia in via monitoria;

(iii) allorquando il cliente contesti l’an debeatur o svolga domande riconvenzionali o eccezioni di compensazione l’opposizione andrà proposta con il rito speciale di cui all’art. 14 del d.lgs. n. 150 del 2011, cioè le opposizioni saranno regolate con il rito sommario di cognizione.

View Fullscreen

Lascia un Commento

La tua email non verrà pubblicata I campi obbligatori sono contrassegnati con *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

https://www.riccardilex.com/wp-content/uploads/2020/06/logo-riccardi-black_8b33560387d776e8612503216e308f83.png

Follow us:

+39 02 94758450
info@riccardilex.com

• STUDIO LEGALE RICCARDI •
Codice fiscale e Partita IVA: 05532071213 • Polizza RC Professionale AIG Europe S.A. n. ICNF000001.069593
• www.riccardilex.com • info@riccardilex.com • studio@pec.riccardilex.com