Crisi D'ImpresaLa richiesta di fallimento del P.M. nel concordato preventivo è differente da quella contemplata dall’articolo 7 L.F.

8 Marzo 20170

L’istanza di fallimento formulata dal Pubblico Ministero all’esito della declaratoria di inammissibilità della proposta di concordato preventivo ai sensi dell’art. 162 l.f. è istituto differente da quello previsto dall’articolo 7 l.f..

La Cassazione civile, con la Sentenza n. 9574/2017, conferma il principio, già consolidato nella pregressa giurisprudenza, secondo cui l’istanza di fallimento formulata dal P.M. all’esito della pronuncia di inammissibilità della proposta di concordato ai sensi dell’art. 162 l.f. è istituto differente dall’istanza formulata ai sensi dell’art. 7 l.f.. In particolare, l’istanza di cui all’articolo 162 l.f. non dà avvio ad un nuovo procedimento, costituendo una fase (eventuale) della verifica di ammissibilità della proposta concordataria.

 

Avv. Alfredo Riccardi

Lascia un Commento

La tua email non verrà pubblicata I campi obbligatori sono contrassegnati con *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

https://www.riccardilex.com/wp-content/uploads/2020/06/logo-riccardi-black_8b33560387d776e8612503216e308f83.png

Follow us:

+39 02 94758450
info@riccardilex.com

• STUDIO LEGALE RICCARDI •
Codice fiscale e Partita IVA: 05532071213 • Polizza RC Professionale AIG Europe S.A. n. ICNF000001.069593
• www.riccardilex.com • info@riccardilex.com • studio@pec.riccardilex.com