Crisi D'ImpresaIl pagamento integrale dell’Iva nel concordato preventivo non altera l’ordine delle cause legittime di prelazione

13 Ottobre 20150

La Corte d’Appello di Genova con una recentissima decisione (28/07/2015) ha chiarito che il pagamento integrale dell’IVA (cui è assimilabile quello delle ritenute) non comporta una violazione del disposto dell’art. 160, comma 2° L.F. con riguardo al divieto di alterare, con la proposta di concordato, l’ordine delle cause legittime di prelazione (e quindi anche la graduazione dei privilegi prevista dalla legge). I giudici genovesi – dato per assunto che nei concordati senza transazione fiscale non sia possibile in alcun modo falcidiare né l’IVA né le ritenute operate e non versate (così Cass. civ. sent. n. 14447/2014; Corte d’Appello Milano20/11/2014) – hanno precisato che è proprio della norma eccezionale derogare, in casi determinati, ad un principio generale, posto che l’art. 182-ter L.F., attribuisce al credito IVA, nell’ambito del concordato preventivo e degli accordi di ristrutturazione dei debiti, un trattamento peculiare ed inderogabile dall’accordo delle parti; questo però non produce per ciò solo l’effetto di incidere sul trattamento di tutti gli altri crediti per i quali, ovviamente, continua a valere l’ordine di graduazione.

avv. Alfredo Riccardi

Lascia un Commento

La tua email non verrà pubblicata I campi obbligatori sono contrassegnati con *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

https://www.riccardilex.com/wp-content/uploads/2020/06/logo-riccardi-black_8b33560387d776e8612503216e308f83.png

Follow us:

+39 02 94758450
info@riccardilex.com

• STUDIO LEGALE RICCARDI •
Codice fiscale e Partita IVA: 05532071213 • Polizza RC Professionale AIG Europe S.A. n. ICNF000001.069593
• www.riccardilex.com • info@riccardilex.com • studio@pec.riccardilex.com