Diritto BancarioNon sussiste il concorso di colpa deI cliente nel caso di dolo da parte del promotore finanziario

5 Ottobre 20140

Il Tribunale di Milano con la sentenza n.10375 del 23 luglio 2013 ha motivatamente affermato che la comparazione tra il dolo di colui che commette un reato al fine di trarne profitto per sé o per altri e l’eventuale colpa di colui che in qualche misura agevola la commissione del reato in suo danno aderendo a richieste provenienti dallo stesso danneggiante (nella specie il promotore infedele) non può mai tradursi in effettiva incidenza causale della sua condotta sul danno e quindi non può mai condurre ad una diminuzione – ai sensi dell’art. 1227 c.c. (che opera proprio a livello di con causalità) – del suo diritto al risarcimento.

avv. Edgardo Riccardi

Lascia un Commento

La tua email non verrà pubblicata I campi obbligatori sono contrassegnati con *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

https://www.riccardilex.com/wp-content/uploads/2020/06/logo-riccardi-black_8b33560387d776e8612503216e308f83.png

Follow us:

+39 02 94758450
info@riccardilex.com

• STUDIO LEGALE RICCARDI •
Codice fiscale e Partita IVA: 05532071213 • Polizza RC Professionale AIG Europe S.A. n. ICNF000001.069593
• www.riccardilex.com • info@riccardilex.com • studio@pec.riccardilex.com