ApprofondimentiCrisi D'ImpresaConcordato fallimentare e suoi riflessi fiscali

18 Settembre 20190

Con Risposta n.55 del 30 ottobre 2018 l’Agenzia delle Entrate, in relazione ad un interpello di un assuntore di concordato fallimentare, ha precisato e ribadito, ai fini fiscali, la natura traslativa del concordato fallimentare con l’intervento dell’assuntore (tra l’altro già affermata con precedente  Risoluzione del 28 maggio 2007, n. 118/E).
In sostanza l’assuntore si accolla le passività e diventa proprietario di tutte le attività e passività della società fallita così come risultanti dalla sentenza di omologazione del concordato. In senso conforme anche la circolare 21 giugno 2012, n. 27/E secondo la quale “nel caso del concordato con terzo assuntore, l’atto giudiziario di omologa produce effetti immediatamente traslativi.” Pertanto, (queste le conclusioni cui è pervenuta l’Agenzia delle Entrate) il decreto di omologa del concordato con l’intervento del terzo assuntore, in qualità di atto traslativo della proprietà dei beni a favore del terzo assuntore, deve essere assoggettato ad imposta di registro in misura proporzionale, in base a quanto stabilito dall’articolo 8, lettera a), della Tariffa, parte prima, allegata al TUR…”.

I medesimi principi erano stati già esposti da Cass. civ. Sez. Trib. sent. n.9950 del 16.04.2008.

 

Lascia un Commento

La tua email non verrà pubblicata I campi obbligatori sono contrassegnati con *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

https://www.riccardilex.com/wp-content/uploads/2020/06/logo-riccardi-black_8b33560387d776e8612503216e308f83.png

Follow us:

+39 02 94758450
info@riccardilex.com

• STUDIO LEGALE RICCARDI •
Codice fiscale e Partita IVA: 05532071213 • Polizza RC Professionale AIG Europe S.A. n. ICNF000001.069593
• www.riccardilex.com • info@riccardilex.com • studio@pec.riccardilex.com