ApprofondimentiCrisi D'ImpresaDifetta un automatismo tra il pagamento non autorizzato successivo alla presentazione della domanda di concordato preventivo e la revoca della stessa procedura

20 Dicembre 20180

Con recentissima sentenza n. 11958 del 16.05.2018 la prima sezione civile della Suprema Corte di Cassazione ha statuito che il pagamento non autorizzato di un debito scaduto eseguito in data successiva al deposito della domanda di concordato preventivo, non integra in via automatica, ai sensi dell’art. 173 co.3° L.F. , una causa di revoca del concordato, la quale consegue solo alla verifica, da compiersi ad opera del giudice di merito, che tale pagamento, non essendo ispirato al criterio della migliore soddisfazione dei creditori, sia diretto a frodare le ragioni di questi ultimi, così pregiudicando le possibilità di adempimento della proposta formulata con la domanda di concordato.

Lascia un Commento

La tua email non verrà pubblicata I campi obbligatori sono contrassegnati con *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

https://www.riccardilex.com/wp-content/uploads/2020/06/logo-riccardi-black_8b33560387d776e8612503216e308f83.png

Follow us:

+39 02 94758450
info@riccardilex.com

• STUDIO LEGALE RICCARDI •
Codice fiscale e Partita IVA: 05532071213 • Polizza RC Professionale AIG Europe S.A. n. ICNF000001.069593
• www.riccardilex.com • info@riccardilex.com • studio@pec.riccardilex.com