Crisi D'ImpresaIn sede di opposizione allo stato passivo il curatore non è soggetto al divieto di novum

16 Ottobre 20170

In sede di opposizione allo stato passivo il curatore non è soggetto al divieto di novum

La prima sezione della Corte di Cassazione, con la recente sentenza n. 19003/2017, conferma il principio, oramai consolidato in giurisprudenza, secondo cui il curatore, in sede di opposizione allo stato passivo, non è soggetto al divieto di novum di cui all’art. 345 c.p.c., pur avendo, il giudizio di opposizione, tutti i caratteri del gravame impugnatorio. Più in particolare, se la natura impugnatoria dell’opposizione esclude il potere della curatela di ampliare con domande riconvenzionali il thema decidendum, nulla impedisce, invece, che vengano sollevate nuove eccezioni, non proposte in sede di verifica dei crediti, stante la cognizione sommaria del primo grado di giudizio.

dott. Pietro Potenza                                                                   SCARICA ORDINANZA

Lascia un Commento

La tua email non verrà pubblicata I campi obbligatori sono contrassegnati con *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

https://www.riccardilex.com/wp-content/uploads/2020/06/logo-riccardi-black_8b33560387d776e8612503216e308f83.png

Follow us:

+39 02 94758450
info@riccardilex.com

• STUDIO LEGALE RICCARDI •
Codice fiscale e Partita IVA: 05532071213 • Polizza RC Professionale AIG Europe S.A. n. ICNF000001.069593
• www.riccardilex.com • info@riccardilex.com • studio@pec.riccardilex.com